Pubblicato da: alexbe | ottobre 15, 2007

WiMax ai blocchi di partenza!

Luci e ombre sulla procedura di assegnazione delle licenze sul WiMax voluta dal ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni.

Il lato positivo è indubbiamente il fatto che finalmente anche in Italia si inizia a regolamentare l’utilizzo delle frequenze WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access), che sfruttano la propagazione via radio della banda larga e consentiranno di raggiungere parti del territorio italiano fino ad ora escluse dalla possibilità di un collegamento Internet veloce (su rete fissa). In pratica una vera alternativa alla Adsl.

Le ombre restano invece sulle modalità scelte dal Ministro per rilasciare queste licenze. È stato infatti indetto un bando per l’assegnazione di tre diritti d’uso complessivi (blocchi A, B e C); i primi due sono destinati a solo tre operatori per ognuna delle “macroregioni” appositamente create, mentre l’ultimo blocco è rilasciato a livello regionale.

Inoltre la concessione d’uso di queste frequenze ha una durata di 15 anni (rinnovabile), non può essere ceduta a terzi e decade nel momento in cui la frequenza non sia utilizzata per 30 mesi consecutivi.

Purtroppo in questo provvedimento non si fa riferimento alcuno alla possibilità di lasciare una parte di frequenze al libero utilizzo senza scopo di lucro. Viene negata in questo modo l’idea che almeno una parte della rete WiMax sia destinata a tutti e venga considerata un bene comune.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: