Pubblicato da: alexbe | ottobre 2, 2007

A caccia del sosia virtuale (Googlonimi)..

 Cercare il nostro nome su internet per sapere cosa si dice di noi in rete, è’ un’attività molto praticata, ma a volte il risultato può essere sconvolgente..

CONFESSATE, tanto lo abbiamo fatto tutti almeno una volta: andare su Google e cercare il nostro nome e cognome per sapere cosa si dice di noi su internet. C’è chi non trova niente, chi trova solo cose scritte da lui. E poi c’è chi si imbatte in qualcosa che non si aspettava: un’altra persona, con lo stesso nome e cognome, che su internet gode di una popolarità non proprio edificante.

Gli inglesi li chiamano Googlegänger, da “doppelgänger”, gemello cattivo. Qui da noi potremmo ribattezzarli “Googlonimi”, i nostri omonimi su Google. Un fenomeno curioso, talvolta divertente, talvolta estremamente pericoloso.

Eve Fairbanks, una giovane giornalista freelance americana, ha raccontato sul New Republic di quando, ancora studentessa, sua madre la invitò a pranzo fuori e, dopo un risotto trangugiato nell’imbarazzo, ebbe alla fine il coraggio di dirle: “So tutto della faccenda del porno”. La signora aveva cercato il nome della figlia su internet ed era finita su un sito vietato ai minori col quale la ragazza, in realtà, non aveva nulla a che fare.

Spiegare a una madre, seppure non tecnologicamente evoluta, che Google può sbagliarsi, è impresa tutto sommato possibile. Ma come cautelarsi, ad esempio, nei confronti di potenziali datori di lavoro? Secondo una ricerca pubblicata dal sito ExecuNet, il 77 per cento dei responsabili risorse umane usa internet per raccogliere notizie sui candidati e addirittura il 35 per cento dichiara di aver eliminato aspiranti dipendenti in seguito a informazioni sul loro conto lette in rete.

Non sempre, per fortuna, la presenza di un Googlonimo è così fastidiosa. Jim Killeen, un imprenditore di Burbank, California, ha addirittura girato un film, “GoogleMe”, sul suo viaggio in giro per il mondo alla ricerca dei suoi doppi. Il settimanale Newsweek ha appena raccolto una serie di storie di Googlegänger, tra cui quella di Maureen Johnson, una scrittrice di New York che condivide il nome con la protagonista del musical “Rent”: “C’è gente che mi scrive per chiedermi se il personaggio è basato sulla mia storia”, racconta.

E voi? Avete un doppio su internet? Vi ha creato imbarazzo o siete diventati amici?

Se volete partecipare al sondaggio… vi aspettano  qui

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: